lunedì 22 marzo 2021

Campionamento terre con prove penetrometriche

 


Da oggi un nuovo strumento di campionamento ad infissione per battuta. 

Campioni continui intubati in fustelle trasparenti in PVC diametro 44 mm, lunghe 110 cm , fino a 5/6 m di profondità.

Il campionatore si porta alla profondità voluta e si campionano 110 cm di terreno. Nella configurazione di indagine minima. Logicamente l'utilizzo più efficace è ottenere un campionamento continuo, ma nulla nega nell'ottica di un risparmio, di campionare solo un metro di terreno ad esempio, i rimanenti metri saranno calcolati ad un prezzo nettamente inferiore.

Il vantaggio di eseguire una prova penetrometrica dinamica / statica e nello stesso giorno un campionamento ambientale o geotecnico  con lo stesso strumento e quindi con costi fissi a zero.

Ideale in zone dove a profondità di interesse si trovano orizzonti con pochissimi colpi DPSH e si vuole identificare la litologia e fare e magari analisi di laboratorio.

Ideale in tutte le situazioni stratigrafiche a Sud di Torino dove i terreni insidiosi abbondano.

sabato 25 gennaio 2020

Sorpresa! Torino città entra in zona sismica 3 !

Sebbene l'anno scorso se ne fosse parlato in incontri e seminari, non pare vero che sia stato approvato l'ampliamento della zona sismica 3 soprattutto verso il territorio di pianura. Ma è avvenuto.

Immagini tratte dal sito regione Piemonte dove senza tanta pompa si presenta l'importante provvedimento.

https://www.regione.piemonte.it/web/temi/protezione-civile-difesa-suolo-opere-pubbliche/prevenzione-rischio-sismico/classificazione-sismica

Tre capoluoghi di provincia, compresa la capitale regionale passano nella zona sismica 3 e non è poco; moltissimi centri secondari come: Fossano, Savigliano, Mondovi, Saluzzo, Ovada, Acqui Terme, Novi Ligure,ecc. pure.
E' un cambiamento epocale che nel tempo mostrerà nuove problematiche nella progettazione; dallo studio della liquefazione alla comparsa di nuovi scenari nella risposta sismica locale.

Anche la 3s si amplia molto, ma qui la differenza è soprattutto burocratica.

Qui il testo del provvedimento.
https://www.regione.piemonte.it/web/sites/default/files/media/documenti/2020-01/dgr_00887_1050_30122019_0.pdf

Le indagini geotecniche e sismiche di ausilio al progettista sono le stesse che ben conosco e svolgo di routine.


lunedì 18 febbraio 2019

NTC 2018 dopo un anno arriva la circolare esplicativa

Qui il link
link al sito della Gazzetta Ufficiale

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto del ministero delle Infrastrutture contenente la circolare esplicativa delle Norme tecniche per le costruzioni (Ntc) 2018.

La nuova circolare applicativa ha lo scopo di fornire ai progettisti, opportuni chiarimenti, indicazioni ed elementi informativi per una più agevole ed univoca applicazione delle Ntc 2018.

I diversi Capitoli ed i singoli paragrafi delle Norme Tecniche per le Costruzioni, e di questa Circolare, sono da ritenersi tra loro reciprocamente integrati, tanto ed in quanto le rispettive disposizioni non si pongano in contrasto oppure sia diversamente disposto in maniera espressa. Ovvero dove non in contrasto con le NTC, valgono le definizioni della circolare.

giovedì 20 dicembre 2018

Il Consiglio regionale del Piemonte sospende le autorizzazioni edilizie

Da http://www.torinoggi.it

Lo ha stabilito il Consiglio regionale del Piemonte, che nell'ambito dell'esame della legge Omnibus.
Emendamento presentato dal Pd, primo firmatario il vice capogruppo Elvio Rostagno, che vuole garantire i pagamenti ai professionisti per il lavoro svolto e di conseguenza disincentivare l’evasione fiscale.
“Il provvedimento – dichiara Rostagno – consentirà alla Pubblica amministrazione che al momento del rilascio di atti autorizzativi acquisirà dal professionista l’autocertificazione del pagamento da parte del committente".
"L’assenza di questo documento – sottolinea – comporterà la sospensione del procedimento. Si tratta di una pratica semplice, senza aggravio di tempo per il professionista, che consentirà però una forte tutela al lavoro svolto dai professionisti che troppo spesso subiscono gli effetti dei ritardi dei pagamenti o addirittura fino al contenzioso per vedere riconosciuto il giusto onorario".

"Ritengo – conclude – che attraverso una procedura semplice si possa garantire l’equo compenso e contrastare duramente l’evasione”. L'emendamento approvato è stato sottoscritto anche dal capogruppo dem. Domenico Ravetti, e dai consiglieri Daniele Valle e Andrea Appiano.


REGIONE PIEMONTE BU50S4 18/12/2018 Legge regionale 17 dicembre 2018, n. 19. Legge annuale di riordino dell’ordinamento regionale. Anno 2018.

Art. 140. (Inserimento dell’articolo 7 bis della l.r. 19/2011)
1. Dopo l’articolo 7 della legge regionale 10 ottobre 2011, n. 19 (Norme in materia di sostegno alle professioni intellettuali ordinistiche) è inserito il seguente:
“Art. 7 bis (Tutela delle professioni ordinistiche per attività espletate per conto di committenti privati e di contrasto all’evasione fiscale)
1. Al fine di tutelare le opere di ingegno che sono alla base delle pratiche presentate alla pubblica amministrazione per conto dei privati cittadini o delle imprese, nonché allo scopo di salvaguardare il lavoro svolto dai professionisti e contestualmente contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, la presentazione dell’istanza autorizzativa o di istanza ad intervento diretto prevista dalle norme e dai regolamenti regionali, della Città metropolitana di Torino e comunali, deve essere corredata, oltre che di tutti gli elaborati previsti dalla normativa vigente, dalla lettera di affidamento dell’incarico sottoscritta dal committente, con allegata fotocopia di un documento di identità in conformità ai dettami del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (Disposizioni
legislative in materia di documentazione amministrativa. ‘Testo A’).
2. La pubblica amministrazione, al momento del rilascio dell’atto autorizzativo o nella ricezione di istanze ad intervento diretto, acquisisce l’autodichiarazione del professionista o dei professionisti redattori e sottoscrittori degli elaborati progettuali, redatta nelle forme di cui al decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 secondo il modello elaborato dalla Giunta regionale e contenuto in apposita deliberazione, attestante il pagamento delle correlate spettanze da parte del committente.
3. La mancata presentazione del modello di cui al comma 2 comporta la sospensione del procedimento amministrativo e costituisce motivo ostativo per il completamento dell’iter amministrativo fino all’integrazione della stessa. La documentazione sarà richiesta dagli uffici interessati dall’iter attivato.”.

Qui potete scaricare il testo approvato

sabato 9 giugno 2018

La colata di fango di Bussoleno


Qui vedete la carta di sintesi della pericolosità geologica comunale.  Si tratta di terreni idonei alla edificazione, senza nessuna pericolosità pregressa.
Tutte le immagini inserite sono ingrandibili cliccandoci sopra.

Qui il bacino a monte, abbastanza piccolo ma ripido, in una immagine prima degli incendi autunnali.

Qui degli interessanti video

QUINDI come ha detto il signore intervistato... abbiamo probabilmente a monte del Rio Forno circa 200 ha, di bosco bruciato. Nell'ultimo mese e mezzo è pressapoco la 4-6 volta che succede secondo gi intervistati, tempo di preavviso 20-30 min ovvero di arrivo sui bersagli. Rumore di treno merci in arrivo..... scappare.
La zona come dimostra anche la classe di pericolosià II attribuita, non aveva trascorsi storici importanti (ma li ha avuti la zona a sinistra in carta, ad esempio).
Ormai non resta che sperare smetta di piovere in modo intenso.
La mia solidarietà agli abitanti per quel che posso fare.

----------
Addenda I - da studi geologici di PRG, geologo Fontan

capitolo 6.4 - Comba delle Foglie (nome del rio in PRG)
Quota massima (m) 1790
Quota minima (m) 498
Area bacino (km2) 1.3
Indice di Melton 1.13
Pendenza media del versante (°) 32
Pendenza media dell’asta principale (°) 28.9
Percentuale di affioramento del basamento roccioso* (%) 16
Percentuale di area in frana* (%) 0.05
Percentuale di depositi glaciali indifferenziati** (%) 24
*: rispetto all’area del bacino; **: rispetto all’area dei depositi quaternari.

6.4.2 Geomorfologia del conoide di deiezione
Il conoide del rio Comba delle Foglie si estende da quota 498 m a quota 435 m, con una pendenza media di 8.8°. A monte e a valle dell’apice la pendenza dell’alveo risulta pari a 8°. Si tratta di un conoide poco evidente, mascherato dall’elevato grado di urbanizzazione ed antropizzazione. Il corso d’acqua, a carattere stagionale si presenta poco inciso, è visibile solo nella zona d'apice in posizione mediana rispetto al conoide, per una lunghezza di 150 m. (ovvero il corso d'acqua sul conoide o fondo valle NON ha un alveo, nota Trossero)

6.4.3 Effetti alluvionali
In caso di forti piogge, dato che il canale di scarico non ha recapito diretto nella Dora Ripariail tirante idrico viene smaltito dalla fitta rete di canali irrigui. Nel corso dell’evento 2000 non sono stati segnalati danni.

6.4.4 Opere idrauliche
Non sono presenti opere idrauliche.

6.4.5 Pericolosità e magnitudo
In questo paragrafo sono determinate alcuni metodi empirici che consentono di valutare la pericolosità dell’asta e del bacino di alimentazione rispetto a fenomeni di trasporto solido intenso, anche denominati colate detritiche o debris-flow. Il metodo empirico di Autlizky (1980), che consente di organizzare razionalmente osservazioni fatte sul conoide senza prendere in esame il bacino di alimentazione, valuta la pericolosità di questo conoide come alta. Il numero di Melton rapportato alla pendenza del conoide in gradi indicache il processo prevalente è di tipo debris-flow (Marchi et al., 1993). È stata inoltre calcolata,utilizzando vari metodi della letteratura, la magnitudo, cioè la volumetria di materia le detritico potenzialmente trasportata durante eventi di piena eccezionali. I valori della magnitudo calcolati sono riportati in Tabella 14.

Metodo Valore della magnitudo (m3)
Bottino et al. (1996) 22.860
Hampel (1977) 65.002
Marchi e Tecca (1996) 13.000
Rickenmann e Zimmerman (1997) 28.928
Takei (1984) 15.960
Van Dine (1996) 13.000
Tropeano e Turconi (2000) Non calcolato
Tabella 14 - magnitudo calcolata del rio Comba delle Foglie

Nel PAI questo conoide non è segnalato.
È stata individuata un’area a pericolosità elevata (classi IIIa e IIIb), che comprende la parte apicale del conoide, e un’area a pericolosità moderata (classe II) che comprende la restante parte.

Addenda II

questo rio non ha mai avuto un alveo a fondovalle lo si vede fin dalle carte IGM del 1880 ecco perchè non può smaltire una piena di fango e cenere.

Addenda III

Ieri ho scattato questa immagine trovandomi nei dintorni e nonostante la foschia si vedeva bene la zona di alimentazione potenziale della colata e la colata. Purtroppo l'immagine non ha una risoluzione alta.
La parte del bacino percorsa dal fuoco fino al suo spartiacque, immagine scattata il 10/06/2018

mercoledì 6 giugno 2018

Fondazioni collegate - pillole NTC 2018

Il piano di fondazione deve essere rigido e solidale col terreno di fondazionein tutte le direzioni.

NTC 2018  par. 7.5.2

... COLLEGAMENTI ORIZZONTALI TRA GLI ELEMENTI DI FONDAZIONE

Si deve tenere conto della presenza di spostamenti relativi del terreno sul piano di fondazione, calcolati come specificato nel § 3.2.4.2 e applicati alla fondazione, e dei possibili effetti da essi indotti nella struttura sovrastante.
Tali spostamenti relativi possono essere trascurati se le strutture di fondazione sono collegate tra loro da un reticolo di travi, o da una piastra dimensionata in modo adeguato, in grado di assorbire le forze assiali conseguenti. In assenza di valutazioni più accurate, si possono prudenzialmente assumere le seguenti azioni assiali:
± 0,2 Nsd amax /g per il profilo stratigrafico di tipo A
± 0,3 Nsd amax /g per il profilo stratigrafico di tipo B
± 0,4 Nsd amax /g per il profilo stratigrafico di tipo C
± 0,6 Nsd amax /g per il profilo stratigrafico di tipo D
dove Nsd è il valore medio delle forze verticali agenti sugli elementi collegati, e amax è l’accelerazione orizzontale massima attesa al sito (individuata a questo punto... con serie indagini in sito).

... L’accelerazione massima attesa al sito può essere valutata con la relazione: amax = agS in cui S è il coefficiente che comprende l’effetto dell’amplificazione stratigrafica (SS) e dell’amplificazione topografica (ST), di cui al § 3.2.3.2, e ag è l’accelerazione orizzontale massima per lo SLC su sito di riferimento rigido.
Ai fini dell’applicazione delle precedenti relazioni, il profilo stratigrafico di tipo E è assimilato a quello di tipo C se i terreni posti sul substrato di riferimento sono mediamente addensati (terreni a grana grossa) o mediamente consistenti (terreni a grana fina) e a quello di tipo D se i terreni posti su substrato di riferimento sono scarsamente addensati (terreni a grana grossa) o scarsamente consistenti (terreni a grana fine).

Sono in grado di fornire al momento di svolgere le indagini di routine: geologiche e geotecniche in sito per il nostro territorio (prove penetrometriche, pozzetti esplorativi e sondaggi) anche indagini sismiche MASW, ReMi, MAM, HVSR, ESAC ad un costo ininfluente sul budget della progettazione; ma attraverso le  quali raggiungere una ottimizzazione del progetto, ed un risparmio ragionato e notevole nella progettazione degli elementi strutturali.

venerdì 25 maggio 2018

NTC 2018 e modeste dimensioni

6.2.2. INDAGINI, CARATTERIZZAZIONE E MODELLAZIONE GEOTECNICA

Qui si parla di indagini,  indagini geotecniche, ovvero metodi di indagine che forniscano informazioni QUANTITATIVE e non qualitative,  ovvero numeri e non parole...

I valori dei parametri geotecnici e sismici debbono essere pertinenti il sito. NO a dati generici.
Le indagini vanno eseguite sempre tranne che ... "Nel caso di costruzioni o di interventi di modesta rilevanza, che ricadano in zone ben conosciute dal punto di vista geotecnico, la progettazione può essere basata su preesistenti indagini e prove documentate... "

Un amico mi ha appena inviato quanto precisa il servizio sismico, sede di Pinerolo, che storicamente ha sempre effettuato i controlli sulle relazioni e progetti


Lo stesso articolo ci ricorda: "ferma restando la piena responsabilità del progettista su ipotesi e scelte progettuali".
Quindi se si assegnano valori errati o inadeguati si è responsabili sia dei danni che di evntuale maggior spesa in materiali, qualora i parametri fossero molto cautelativi.

A mio parere, i punti di indagine, fatto salvo lo studio generale del sito, che deve dimostrare una inoppugnabile omogeneità del terreno,  le indagini debbono riferirsi a prove adiacenti, ovvero non distanti più di una cinquantina di metri, altrimenti scadiamo nella bibliografia....   E' vero che in certi contesti il terreno per migliaia di metri non cambia, ma come esserne sicuri senza indagini in sito?  Esistono moltissimi luoghi dove i terreni cambiano carattestiche in 20 metri.

Quando ci si può avvalere di questa possibilità?
A mio parere ci si deve basare, con giudizio, sulla DGR n. 65-7656 del 21 Maggio 2014, che appunto contiene la modulistica di riferiemento per il Piemonte, in materia sismico strutturale.

Allegato 2 - Definizione di opere ed interventi di limitata importanza strutturale .

1 Nuove costruzioni


  • a. Tettoie aventi altezza > 3 m e superficie coperta < 20 mq.
  • b. Pensiline, con aggetto > 1.50 m, aventi superficie coperta < 5 mq;
  • c. Pergolati di altezza < 3 m;
  • d. Serre, con copertura e chiusure in teli di plastica, policarbonato o altri materiali leggeri, adibite esclusivamente a coltivazioni;
  • e. Opere di sostegno, di altezza < 3 m, che non interessano direttamente la viabilità o spazi pubblici aventi valenza strategica o rilevante;
  • f. Opere idrauliche minori, quali briglie, pennelli, opere di difesa spondale, di altezza <3 m.
  • g. Piscine, vasche di raccolta e vani tecnici interrati ad uso privato fino ad una superficie di mq 25;
  • h. Piccoli attraversamenti, tombinamenti su fossi, fognature, condotte interrate, realizzati con manufatti scatolari;
  • i. Edicole funerarie e strutture destinate a loculi interrati, e fuori terra;
  • j. Locali per impianti tecnologici ad un solo piano con superficie < 20 mq e altezza < 3.50 m.
  • k. Cabine prefabbricate al servizio di attività produttive e/o di servizio, con altezza < 3.50 m, singole o aggregate;
  • l. Recinzioni del terreno con elementi murari o in c.a. o in legno o in acciaio, di altezza < 3.50 m, comprese le relative coperture di ingresso di superficie < 6 mq.
  • m. Vasche fuori terra di altezza < 2.50 m e volume < 50 mc.
  • n. Strutture per dispositivi di telecomunicazione, illuminazione, segnaletica stradale (quali pali, tralicci e torri faro), aventi altezza massima < 20 m.
  • o. Portali, strutture di sostegno per pannelli pubblicitari, segnaletica stradale, insegne e simili, di altezza < 10 m ed una superficie < 20 mq;
  • p. Pannelli fonoassorbenti e relative strutture di sostegno con altezza < 5 m.
  • q. Pannelli solari e fotovoltaici su strutture di sostegno (quali pali, portali) di altezza < 3 m dal livello del terreno.


2 Interventi su costruzioni esistenti


  • a. Realizzazione di vano nei solai o nella copertura senza modifica della falda, senza interessare le strutture principali e senza alterazione del comportamento strutturale, per una superficie < 4.50 mq;
  • b. Realizzazione di controsoffitti aventi peso proprio < 0,25 kN/mq ancorati alle strutture principali della costruzione;
  • c. Rifacimento parziale di elementi dell’orditura di coperture ad orditura lignea o in profili metallici, comprensivo del tavolato e del manto della copertura, con materiali della stessa tipologia, senza incrementi di carico significativi.
  • d. Trasformazione di finestra in porta-finestra, e viceversa, che non ne aumenti la larghezza, e che, in ogni caso, non alteri il comportamento della fascia di piano;
  • e. Creazione di singola apertura su parete muraria portante, di superficie netta del foro < 3 mq, purché debitamente cerchiata e distante almeno 1 m dagli incroci e dagli angoli murari.
  • f. Scala di arredo in legno o metallica, all’interno di una singola unità immobiliare, ancorata alle strutture principali, senza demolizioni di elementi strutturali principali della costruzione;
  • g. Realizzazione di rampe pedonali con dislivello < 2.50 m;
  • h. Realizzazione di rampe, solette, pavimentazioni appoggiate a terra;
  • i. Antenne e impianti (pannelli solari, fotovoltaici, etc.), gravanti sulla costruzione, il cui peso non ecceda il 10% dei pesi propri e permanenti delle strutture direttamente interessate dall’intervento (campo di solaio o copertura, delimitato dalle strutture principali, direttamente caricato), e purché ciò non renda necessaria la realizzazione di opere di rinforzo strutturale;
  • j. Installazione di montacarichi, ascensori e piattaforme elevatrici, interni all’edificio, che non necessitano di aperture nei solai, le cui strutture non modificano significativamente la distribuzione delle azioni orizzontali.


Attenzione tutto ciò non preclude la possibilità che siano obbligatorie particolari indagini geologiche , in quanto richieste dal Piano Regolatore Comunale.

Quali sono le indagini minime da svolgere: Prove penetrometriche dinamiche super pesanti tipo DPSH in Torino città (a volte sono possibili) e a Nord della città. Prove penetrometriche statiche CPT, sono possibili e raccomandabili nella pianura a Sud del torrente Sangone e di Torino, da Nichelino fino ai confini con le provincie di Cuneo ed Asti e nel Chierese. Le indagini geofisiche come MASW, ReMi, MAM e HVSR sono sempre possibili ed utilissime.